Ricercatori ricercati

Centro ricerche Enea di Brasimone Venerdì scorso ho visitato il centro di ricerca Enea di Brasimone, situato tra l’altro in un’ambientazione da favola. Uscendo da lì ho provato sentimenti contrastanti. Essenzialmente posso raggrupparli sotto due insiemi: orgoglio (di essere italiano) e vergogna (di essere italiano). Questi ricercatori lavorano in condizioni di emergenza per la mancanza di fondi (non ce la fanno quasi a pagare la bolletta della luce) e, nonostante questo, riescono a far parte di importanti progetti di ricerca a livello mondiale. Ad esempio il carotaggio in Antartide che, arrivando a 3.200 3.270 metri, ha permesso di capire come fosse il clima 800.000 anni fa, oppure il sistema di manutenzione remotizzata della futura centrale a fusione Eric. In particolare, i due ragazzi della ricerca in Antardide Antartide, ci spiegavano come fossero riusciti ad abbassare il costo della sonda, usando componenti tradizionali, a soli 30.000 €. Ho chiesto se avessero dimenticato qualche zero ma non era così. Questi geni, il termine giusto è questo, riescono a costruire delle cattedrali con gli stuzzicadenti che lo stato italiano (in minuscolo) mette loro a disposizione.

Io li ho chiamati ragazzi per sentirmi un bambino, ma l’età media dei ricercatori è di 55 anni. I pochi giovani che arrivano al centro, pagati  a contratto e con cifre ridicole, stanno giusto il tempo di imparare e poi se ne vanno all’estero, passando in un colpo da ricercatori precari a ricercatori ricercati. Ho chiesto perché non provassero a trovare degli sponsor e mi è stato spiegato che non gli è permesso. Avevano trovato una azienda che poteva fornire gratuitamente il vestiario per la ricerca in Antartide (ci vanno quando qui è inverno e là estate, un’estate comunque a -30°) ma è stato vietato loro di accettarla come sponsor perché le regole non lo permettono.Nota di colore. Per visitare il centro sono partito ad orari folli, alzandomi intorno alle 5 del mattino dopo essere andato a letto alle 2 e 30. Durante il viaggio di ritorno sarei sicuramente crollato se non fosse stato per Carlo e per Valerio che, con un piacevole gioco di squadra, hanno provveduto a tenermi sveglio alla guida 😀

Addendum da parte dei carotatori: solo il sistema elettronico della sonda ha quel costo (comunque prima era 10 volte tanto); tutta la sonda di perforazione, tra componenti meccaniche e accessori vari come cavo, winch, ecc. costa molto di più.

9 thoughts on “Ricercatori ricercati

  1. @Nicola: ho fatto una dozzina di foto quasi alla cieca, dopo aver rallentato di brutto, e ho tenuto solo le due migliori 🙂

  2. Un mio amico da ricercatore fisico-chimico è passato a venditore di farmaci perchè gli è nato il primo figlio e aveva bisogno di guadagnare….
    …… io avrei una proposta….. i notai a 2000 euro/mese e i soldi risparmiati li si danno alla ricerca 🙂

  3. Comunque Marco nel tuo discorso iniziale ci deve essere qualcosa che hai omesso o non hai notato perchè il papa ha ben denunciato la tentazione degli
    scienziati al “facile guadagno”…. a meno che le persone che hai conosciuto siano così pie devote da non cedere!

Leave a Reply

Your email address will not be published.