Moschee

Se vi va, leggete questi due articoletti e trovate le differenze tra USA e Italia. Io qualcuna ne ho trovata…

Il Dio d’America (17 agosto 2010)
La moschea a Milano? (19 agosto 2010)

A futura memoria, nel caso i link non siano più validi, faccio un piccolo riassuntino.

Il Dio d’America

… Barack Obama, presidente di quel Paese, ha detto sì alla richiesta di un gruppo islamico che intende costruire una moschea nell’area di New York detta “Ground Zero”

… Il libro “Profili nel coraggio” era l’elogio dei pochi grandi leader della storia capaci di decisioni non volute dai cittadini, però necessarie e giuste. Oggi Barak Obama si è aggiunto alla breve lista di eroi della politica compilata da Kennedy. L’imprudenza politica di Obama è grande. È il rischio di perdere il favore che finora l’ha sostenuto. Ma con lui l’America fa un altro passo avanti nella Storia.

La moschea a Milano

… In effetti tutti in Comune sanno da anni del progetto in stallo per la nuova moschea a Cascina Gobba, un piano da un milione e 400mila euro di investimenti totalmente autofinanziati dalla comunità islamica più affidabile e conosciuta a Milano, che da sempre, non avendo locali idonei alla preghiera, è costretta a dirottare i fedeli sulle palestre di via Iseo e via Cambini. L’Ambrogino d’oro Mahomoud ha scelto la linea “legalitaria” e attende fiducioso che la trattativa col Comune si sblocchi.

Avete notato anche voi, qualche piccola differenza?

7 comments on “Moschee

  1. A malapena e parzialmente ci siamo liberati della religione cattolica in Italia,
    almeno qualche bastone tra le ruote dell’Islam bisogna metterlo…
    anche se, devo dire, per il rispetto del “nemico di sempre” sono ben propenso a farli pregare come vogliono…

  2. @Davide: scusa, ma sei così sicuro che ci siamo liberati della religione cattolica in italia? Se mi guardo in giro, se penso all’ospedale di Varese, se penso al nostro governo, a me non pare proprio. Inoltre io non vedo come nemico uno che va a pregare in una moschea, al limite lo vedo come uno che deve ancora aprire del tutto gli occhi. Il mio nemico è chi va con un aereo contro un grattacielo.

  3. Sono d’accordo per la religione cattolica infatti ho scritto “malapena e parzialmente”e mi riferisco rispetto alla situazione italiana del XIX sec.

    Che siano il nostro nemico da 1400 anni lo dice la storia, per quanto riguarda l’aereo e le torri gemelle penso invece alle tue nipoti, fra 20 anni, che vivranno nell’Europa a maggioranza musulmana forse costrette a mettersi il velo ed ai tuoi nipoti obbligati ad accettare delle verità che la ragione (e il nonno) non suggerisce ecc.. non è questo è nemico della ragione e della nostra civiltà?

  4. @Davide: io trovo ovvio che l’unico modo perché le mie nipoti non siano costrette a mettere il velo sia: togliere i crocifissi dalle aule, non votare un partito con un leader che si fa fotografare in chiesa (o in moschea o in un tempio indù), aspettare che CL smetta di rompere le balle in ambiti che non le competono, ecc.
    Sono altrettanto certo che non far costruire una moschea al mio “nemico” aumenti la probabilità di quello che dici.
    Ricorda “Invictus”, come ha agito Mandela e come volevano agire i suoi amici. Chi ha avuto ragione? 🙂

  5. sono pienamente d’accordo su crocefissi e altri simboli superstiziosi.
    E credo di essere d’accordo sulla tua politica lungimirante di assimilazione: i paleocristiani nell’impero romano erano così arrabbiati di non poter pregare pubblicamente che alla fine incendiarono Roma 😉

    Credo che alla fine anche loro si metteranno a bere birra e mangiare salsiccia… a quel punto mi andrà bene anche l’Islam…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *