The Italian Gob

metro1.png Antonio ieri era a Londra e dappertutto c’era questo giornale.

Con questo terzo intervento smetterò di parlare di quello che, concordo con tanti miei conoscenti che lo votano (abito a Varese, sono nato a Varese, ma non sono di Varese), non è il vero problema italiano.

Lo sono i tanti miei conoscenti 🙁

9 thoughts on “The Italian Gob

  1. @Davide: ovviamente mi sono pentito da tempo di aver votato il PD. Ora come ora avrei votato Di Pietro (in quanto meno peggio). È chiaro però che confondere le vicende di questi meschini individui con quelle del nano, vuol dire veramente guardare la pagliuzza nell’occhio dell’altro e non notare la trave nel proprio 😉

  2. A nano preferisco di molto “non-pivot” mi sembra più bello. 😉
    Sai che non voto il non-pivot, ma adoro difenderlo data la stima che ho per lui

    Ti scrivo perchè molte volte, quando parlo con gente che vota “Uòlter” , mi si presenta la situazione tipo: “noi buoni e bravi di sinistra” contro i “cattivi”.

    Invece dovrebbe essere: “Noi FORSE (ma forse) siamo il meno peggio !”

  3. Davide, veramente hai stima per il playmaker malefico?
    Ma non ne hai abbastanza di tutto quello che fa e ha fatto?
    Montanelli diceva “A sinistra c’è il bordello, e a destra il manganello. Preferisco il bordello al manganello”.
    Nemmeno io voto PD, ma stimare Berlusconi per me è fantascienza. Di sicuro il PD è meno peggio, ma ordini di grandezza meno peggio, perché per lo meno non sono tutti in ossequio ad un leader mafioso e massone, che vuole distruggere lo stato di diritto. Distruggere lo stato di diritto, lo ripeto, è il suo scopo.
    Ciao.

  4. Stimo il Silvio per la sua capacità comunicativa,
    perchè ha sempre lavorato,
    perchè ha sempre avuto determinazione,
    perchè è riuscito, delegando, a creare un impero,
    perchè è riuscito a scegliere le persone giuste.

    Poi, caro Big Ben Turpin, si può anche stimare Lupin,
    senza dover approvare il suo lavoro… 😉

  5. Le stesse cose che si possono dire di Hitler, precise precise.
    No, mi dispiace non mi hai convinto.

  6. Non volevo convincerti, ma rispondere alla tua domanda (“veramente hai stima per il playmaker malefico?”).

    Stimo chi ha capacità superiori alle mie, a prescindere che si chiami Maria Teresa o Adolf.

  7. Davide,
    ok, capisco il tuo punto di vista e non lo condivido per niente. Ho un’etica e la pretendo dai politici; non voglio dei santi, ma nemmeno dei criminali.
    Berlusconi è un criminale.

Leave a Reply to Beri Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *